Google+ Pazzi per il Cinema: marzo 2014
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

venerdì 28 marzo 2014

15. Shinobi (2005)

Ho finito di guardare Shinobi dieci minuti fa.
Primo pensiero: DISTRUGGI IL DVD!!! ò_ò
Secondo pensiero: Fermo, non è tuo! Te l'hanno prestato.
Terzo pensiero: Vai a urlare nel cuscino per le due ore di vita buttate che non torneranno più.

Premessa: a me non dispiace affatto il Cinema di arti marziali e dei "cinesi volanti" in generale.
Partendo da Cinque dita di violenza, passando per i film di Bruce Lee e toccando i capisaldi del genere come La 36ª camera dello Shaolin direi che possiamo avere un quadro completo dei miei punti di riferimento. Ah, e non dimentichiamoci di Con una mano ti rompo con due piedi ti spezzo! Lo so, son filmacci ed i titoli spesso suonano in maniera a dir poco infelice ma che volete farci, mica giudichiamo un film dal titolo, no? E poi piacciono anche a Tarantino! :D Vabbè dai, facciamo i seri. Per quanto spesso pellicole di questo tipo siano tutto meno che prodotti da antologia, personalmente mi piacciono perché sanno come intrattenere, o magari perché mi ricordano i pomeriggi d'estate di quando da piccoli li guardavo insieme a mio padre. Comunque, converrete con me che il Cinema di arti marziali sia andato via via morendo e ad oggi è raro trovare degni esponenti del genere. Ebbene, Shinobi non è certo un "degno esponente del genere".

Diciamolo chiaro e tondo: questo è, alla prova oggettiva dei fatti, un film mal realizzato. Presenta talmente tante lacune che è difficile riuscire a chiudere un occhio sugli evidenti e numerosi difetti. Anche da un'analisi bonaria nulla ne uscirebbe indenne, prima fra tutte la regia, soporifera sotto ogni punto di vista e pregna di banali errori di forma. Le scene d'azione, fulcro di ogni pellicola di arti marziali, risultano stantie e mal gestite mentre le parti narrative sono talmente narcotizzanti che passerete più tempo a guardare l'orologio piuttosto che lo schermo.
La recitazione sotto la sufficienza di tutti gli attori ed in particolare il carisma da mocio Vileda del protagonista maschile sono un'ulteriore stoccata alla pazienza dello spettatore. Bravina la tipa con le lenti a contatto ma solo perché circondata da completi incapaci, e comunque se la mettessimo ai voti gli altri prenderebbero 2 mentre lei arriverebbe a 4, roba da "Samurai d'argento" stile Tony Brando, non so se mi spiego.
Gli effetti visivi, quasi imbarazzanti per un film del 2005, chiudono il quadro su un prodotto mediocre e difficilmente meritevole del vostro tempo. Bocciato.

Consigliato a:
Chi ha terminato il Tavor e sa che in farmacia senza ricetta non glielo danno.

Sconsigliato a:
Chi soffre di narcolessia. Rischiate di finire direttamente in coma guardando 'sta fesseria qui.

giovedì 20 marzo 2014

14. Cursed (2004)

Questo lo aggiungo alla conta dei 100 film da vedere nel 2014 perché ormai me lo sono guardato, ma sappiate che non ci scriverò un articolo sopra. Cursed non avrà un secondo di più del mio tempo di quello necessario a scrivere queste poche righe.

STATENE

ALLA

LARGA

Questo è il classico esempio di pellicola inutile, di colossale perdita di tempo. Lasciatemi fare una citazione da uno dei miei film preferiti e chiudere immediatamente questo post:

La più consistente scoperta che ho fatto pochi giorni dopo aver compiuto sessantacinque anni è che non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare.

Ecco, non aspettate i 65 anni per capirlo, attuate questa idea già da oggi cominciando a non guardare pellicole di questa risma.

Consigliato a:
Chi ha subito un torto e vuole vendicarsi: consigliate questa melma di film alla vittima designata e fatelo soffrire.

Sconsigliato a:
Tutto il genere umano, al mondo animale, alle creature fantastiche ed in generale a tutti gli esseri e le entità senzienti di questo mondo e di tutti gli altri. Statene alla larga non perché "brutto" ma perché "inutile".

mercoledì 19 marzo 2014

13. Facciamola finita (2013)

Non ho guardato questo film perché tra gli interpreti c'era Emma Watson, davvero! Pensate veramente che mi approccerei ad una pellicola solo perché nel trailer ho intravisto che c'era pure lei? 
Ridicolo. 
Veramente ridicolo.
Ma andiamo, come potete anche solo pensarla una cosa simile? Sappiate che...
Come dite?
Voi non avete insinuato nulla ed anzi sono io ad avere la coda di paglia, ad avere tirato in ballo Emma Watson, che non sta neppure sulla locandina, e che sto facendo tutto da solo? Beh, in effetti...


Irriverente. Sfacciato. Scorretto.
Questi alcuni degli aggettivi che potremmo usare per descrivere Facciamola finita, commedia nera che mescola demenzialità e cinema apocalittico. L'umorismo dissacrante della sceneggiatura lo rende un prodotto leggero e rivolto a chi ha voglia di spegnere il cervello e farsi quattro sane risate. O magari potrebbe piacere a chi conosce il mondo dello star system visto che la totalità degli attori interpretano delle versioni fittizie di loro stessi. E a proposito degli attori, la buona recitazione è garantita da un cast di tutto rispetto, con nomi tipo James Franco e Jonah Hill, giusto per citare i più famosi. 

Si ride e si ride parecchio, principalmente perché non si ha idea di ciò che sta per accadere ed anzi vi esorto a non cercare informazioni sulla Rete e lasciarvi intrattenere da una storia costantemente in bilico tra il cinico ed il demenziale. Se poi siete un filo più cinefili della media, sappiate che le numerose citazioni saranno la ciliegina sulla torta di una sceneggiatura scorrevole e frizzante.
Il film non è tuttavia esente da difetti, primo fra tutti il fatto che il limitato budget ha costretto la produzione ad un drastico taglio sugli effetti visivi e sulle scenografie, soprattutto in esterni. Inoltre il tono smaccatamente goliardico della vicenda potrebbe non piacere ai più, ma qui va a gusti.

Consigliato a:
Chi cerca un film divertente, scorretto e molto sopra le righe da prendere poco seriamente.

Sconsigliato a:
Chi si aspetta che Emma Watson abbia una parte rilevante nella pellicola. Davvero, dice solo pochissime battute! Sapete, sarebbe bastato dare più spazio alla mia Emmina per rendere il film un prodotto significativamente migliore. Che poi la sapete l'ultima? Pare che adesso la Watson stia insieme ad uno che c'ha 'na faccia da fesso che... Come dite? Mi sto parlando di nuovo addosso e non ve ne frega nulla delle paturnie della redazione? Va bene, allora la pianto...

martedì 11 marzo 2014

12. Il lato positivo - Silver Linings Playbook (2012)

Il freddo inverno ormai se ne sta andando (lo so, l'ho tirata. Vedrete che domani nevica...) ma non è ancora troppo tardi per una serata copertina&cioccolata davanti ad un film che scaldi l'anima (cosa tra l'altro necessaria a stemperare un mese e oltre di cinema d'azione.) Questa volta pare che Sky mi abbia letto nel pensiero trasmettendo in prima visione Il Lato Positivo, film che all'epoca della sua uscita mi ero lasciato sfuggire.

Sapete che vi dico? Adesso l'ho capito. Ora mi è chiaro perché tanta gente è innamorata di Jennifer Lawrence. Non solo quella ragazza è bella come un giardino di ciliegi nel periodo della fioritura (Emma non ti crucciare, la mia preferita resti sempre tu) ma è anche piuttosto brava. Ma che dico "piuttosto" brava, lei è maledettamente brava. Va bene che questo mio giudizio potrebbe suonare vacuo a fronte del fatto che proprio grazie a questa sua performance ha vinto l'Oscar l'anno scorso ma lasciatemelo dire, raramente si hanno da parte di attori così giovani interpretazioni tanto avvolgenti. Capiamoci, non è che la Lawrence regga sulle spalle l'intera produzione, anche Bradley Cooper se lo meritava l'Oscar, solo che l'anno scorso tra gli attori protagonisti c'era in gara la reincarnazione di Abraham Lincoln e quindi era dura... Comunque, la grandiosità di un film non è certo dettata unicamente dalla bravura degli attori quanto piuttosto dalla solidità della sceneggiatura, giusto?

Ora, converrete con me che come una cioccolata troppo dolce sia stucchevole, una storia eccessivamente melensa possa risultare indigesta. Ebbene non disperate, per quanto la pellicola sia palesemente di genere sentimentale, le note amare non mancano di certo e anzi vi dirò di più: il film è un capolavoro di equilibrio tra commedia, dramma e romanticismo che poggia su personaggi complessi e sfaccettati dei quali è impossibile non innamorarsi. La narrazione scorre in maniera tanto fluida e coinvolgete che addirittura dispiace che ad un certo punto finisce. Dico davvero, questa è una di quelle rare pellicole per le quali vale la pena dedicare una seconda visione, e poi una terza e via così a oltranza, perché delle cose belle non ci si stanca mai.
Che altro dire? Se non l'avete ancora visto, rimediate. Se l'avete già visto, rivedetelo. Io intanto ordino il Blu-ray da Amazon...

Consigliato a:
Chiunque non l'abbia ancora visto. 

Sconsigliato a:
Nessuno. Questo film può piacere benissimo anche ai non estimatori delle commedie drammatiche.

11. Snowpiercer (2013)

L'altra sera abbiamo avuto gente a cena e ci hanno portato una bottiglia di buon Chianti, quello che beveva il Dr. Lecter per capirci, e no, non abbiamo mangiato fegato con fave. Fatto sta che per dimenticanza l'abbiamo aperto solo pochi minuti prima di iniziare a mangiare ed il vino non ha avuto tempo di respirare a dovere. Peccato. Comunque il giorno dopo, a pranzo, mi accorgo che ne erano rimaste due dita nella bottiglia e me le sono versate. OH MIO DIO CHE BONTÀ! L'odore delle ciliegie, poi! Durante la notte il vino ha respirato e si è ammorbidito per bene, capite?
Ehi, che sono quelle facce stupite? Come dite, vi aspettavate una recensione di Snowpiercer e non delle farneticazioni sulle serate enogastronomiche della redazione? Guardate che sto seguendo un ragionamento ben preciso eh! Ora arrivo al punto...

Vedete, questo film è esattamente come quella bottiglia di Chianti, gli si deve dare tempo per permettergli di dare il meglio di sé. Ora, appena conclusa la visione della pellicola ammetto ti essere rimasto abbastanza perplesso, alcuni aspetti della vicenda non tornavano ed il finale oggettivamente lasciava un po' interdetti. Ci ho messo due giorni a metabolizzarne il contenuto e devo ammetterlo: mi è piaciuto. Non ero quasi più abituato alla fantascienza "intelligente", quella che non imbocca lo spettatore col cucchiaino ma che lo catapulta in alla storia con spiegazioni scarne e quasi assenti. Tutte le cose, anche le più bizzarre, trovano una spiegazione plausibile e coerente grazie ad una sapiente costruzione della sceneggiatura.
La regia tuttavia non è certo allo stato dell'arte, risultando a tratti confusionaria nelle sequenze più concitate mentre il montaggio poteva essere realizzato meglio, magari velocizzando la prima metà della pellicola per poi prendersi più tempo verso la fine per introdurre meglio certi personaggi, ma parliamo comunque di inezie che non pregiudicano il giudizio complessivo dell'opera.
Sul cast nulla da dire, gli attori fanno bene il loro lavoro e risultano tutti credibili nei propri ruoli (e ci mancherebbe altro visto che ci sono pure un paio di premi Oscar lì nel mezzo.)
Bene, ora potremmo anche continuare l'analisi "tecnica" della pellicola parlando della fotografia azzeccata, delle scenografie al risparmio e bla bla bla... Ma sapete che vi dico? La finisco qui, lasciatemi solo aggiungere due appunti: numero uno, se come me collezionate storie strane, quella del treno/Arca che contiene gli ultimi superstiti della razza umana di sicuro vi manca. Numero due, se siete il genere di spettatore che non si ferma alle apparenze troverete in questa pellicola ben più di una leggera nota orwelliana, che le consente di guardare a mostri sacri del genere come Matrix e Brazil. Certo, li guarda dal basso ma almeno li vede e pure bene, e scusate se è poco.

Consigliato a:
Chi ama quando una pellicola continua a far riflettere anche dopo i titoli di coda. 

Sconsigliato a:
Chi non ha voglia di guardare un film di aspra denuncia politico/sociale sapientemente mascherato da action movie.

mercoledì 5 marzo 2014

10. Babylon A.D. (2008)

Eppure me l'avevate detto.
Ma io no, non ho voluto ascoltare.
Imperterrito. Accecato dall'ego. Inamovibile nelle mie decisioni, ho deciso di guardare ugualmente questo "film".
Mio Dio che errore, anzi che ORRORE.
Vabbè dai, magari "orrore" è un termine troppo forte. Diciamocelo, qualora fosse davvero tremendo varrebbe comunque la pena vederlo, perché prodotti maledettamente brutti sono uno spasso da guardare (e le loro recensioni uno spasso da scrivere). Tuttavia non è questo il caso dato che Babylon A.D. è un film semplicemente brutto, di quelli che si può facilmente fare a meno di vedere.

La cosa che mi dà da pensare è la presenza di attori di un certo calibro, vedi Michelle Yeoh o lo stesso Diesel che, a mio modesto parere, non è poi tanto male come attore, basti pensare a Prova a incastrarmi di Sidney Lumet, ma ora non divaghiamo. 
Dicevamo, il film è sì brutto, però la mia idea secondo la quale i film di fantascienza vale sempre la pena vederli, permane. Infatti questo non è tanto da considerare un film di fantascienza quanto piuttosto un documentario sulle faglie tettoniche: i buchi di trama più che "buchi" sono vere e proprie "voragini" nella storia e l'intera pellicola è un susseguirsi di sequenze a comparti stagni tra le quali vale la proprietà commutativa. Va bene che nel cinema d'azione la trama passa in secondo piano ma dico io, un minimo di coerenza! Poi il montaggio... Ma chi cavolo l'ha montato il film, Stevie Wonder? Delle sequenze d'azione meglio non parlare, non è corretto sparare sulla Croce Rossa.

Amici cinefili volete un consiglio? Statene alla larga, non vale il vostro tempo.
Ah, già che ci sono vorrei fare un appello a produttori.
Produttori? Mi sentite? La prossima volta i fondi per girare una pellicola d'azione DATELI A ME dato che persino io sarei in grado di fare un film migliore di questo.

Consigliato a:
Chi ritiene di essere la reincarnazione di un flagellante del quattordicesimo secolo e sente la necessità di soffrire.

Sconsigliato a:
Chi stima Vin Diesel. Questo obbrobrio rischia di farvi cambiare radicalmente idea sul suo conto.

sabato 1 marzo 2014

La notte degli Oscar 2014

Popcorn al cioccolato ✓
Popcorn al caramello ✓
Coca Cola Light ✓
Salatini ✓
Caffè ✓
Cupcake ✓
Altro caffè ✓
Aranciata ✓
Waffles ✓
L'ho già detto caffè? 

Beh, direi che non manca nulla.


La redazione di Pazzi per il Cinema è orgogliosa di annunciarvi che quest'anno seguiremo con voi, amici cinefili, la 86ª edizione degli Academy Awards IN DIRETTA!
Commenteremo live su Twitter l'intera serata, a partire dalla sfilata sul Red Carpet dei protagonisti per poi passare alla cerimonia vera e propria, dal tramonto all'alba!
Commenti su vestiti e acconciature!
Tifo indiavolato per Sorrentino!
Retweet delle battute migliori!
Questo e molto altro (?) ancora domani dalle 22:50 su Twitter!

L'hastag che utilizzeremo sarà quello ufficiale dagli Oscar, probabilmente #Oscar2014.
Se volete mettervi in contatto con noi non avete che da twittare a @PazziPerCinema, magari utilizzando direttamente il widget qui a destra.
Per conoscere nel dettaglio i film candidati e prepararvi alla veglia, ecco il link con tutte le nomination: http://oscar.go.com/nominees
A domani sera! ;D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...