Google+ Pazzi per il Cinema: aprile 2016
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

venerdì 29 aprile 2016

#MoMeLoSegno - Equilibrium (2002)

La trama in 50 parole.
In un futuro distopico, l'umanità è sopravvissuta alla terza guerra mondiale. Per scongiurarne una quarta, viene istituito il Reato di Emozione. Amore, odio, passione, rabbia. Tutto inibito per mezzo di una droga: il Prozium. John Preston, agente del Tetragrammaton, si occupa di scovare i criminali tacciati di Reato di Emozione.

Consigliato a:
Chi ama la fantascienza distopica e, per qualche oscura ragione, s'è fatto sfuggire questo film.

Sconsigliato a:
Chi mal sopporta il cinema d'azione.

Perché vederlo?
Per la storia intrigante? Per le scenografie ed i costumi azzeccati? Per le sensazionali sequenze action? No. Non ve lo consiglio per questo (non solo, almeno). E non ve lo consiglio nemmeno perché parliamo di uno dei miei film preferiti di sempre. Equilibrium si trova in questo speciale perché parliamo di un cult, ingiustamente poco conosciuto, che è piaciuto al 99% delle persone alle quali l'ho consigliato.

mercoledì 27 aprile 2016

13. The lobster (2015)

Cito da Wikipedia: «In un prossimo futuro distopico, le persone single vengono portate in un hotel in cui sono costrette a trovare, entro quarantacinque giorni, un compagno o una compagna. Se falliscono, vengono trasformate in un animale a loro scelta.»
Ora ditemi voi se non è la trama più geniale e disturbante degli ultimi anni? Lo so, lo so, lo so. È un film "strano". Tuttavia il sorriso ebete che ho in faccia descrive appieno il mio stato d'animo. Sono felice, capite? Felice perché siamo di fronte a qualcosa di originale.

venerdì 22 aprile 2016

#MoMeLoSegno - La rivincita delle bionde (2002)

La trama in 50 parole.
Elle è una bella e spensierata biondina, prossima al diploma, fidanzata col ragazzo più figo della scuola. Un giorno però viene scaricata dal suo amore. Il motivo? Lui studierà legge ad Harvard e lei non è alla sua altezza. Elle non si abbatte: per riconquistarlo andrà ad Harvard anche lei.

Consigliato a:
Chi vuol vedere un legal thriller colorato, fuori dagli schema e non banale.

Sconsigliato a:
Chi si lascia ingannare dalle apparenze. 

Perché vederlo?
Un legal thriller alla cannella. Che altro aggiungere? Se siete anche solo lontanamente interessati al genere, questo film dovete vederlo. Riesce ad essere leggero come una commedia romantica ed al contempo interessante come un ottimo thriller legale. In una parola? Unico.

giovedì 21 aprile 2016

Due parole su Lo chiamavano Jeeg Robot...

Capiamoci, scrivo sul blog più per passione che per tornaconto personale. Anzi, a dirla tutta ci perdo e basta. Pensate soltanto che in questo momento potrei starmene bello spaparanzato sul divano, filoconnesso alla PlayStation. Ma non lo faccio. Preferisco passare le poche serate libere a tentare di accrocchiare le 200 parole scarse delle mie recensioni. So di non essere il "Detentore della Verità". Non è che se una pellicola m'è piaciuta, automaticamente piacerà anche a voi. Quello che spero quando tesso le lodi di un film è che qualcuno possa venirne a conoscenza. Spero che lo guardi e soprattutto spero che riesca a trasmettergli le stesse emozioni che ha dato a me.

giovedì 14 aprile 2016

12. Il ponte delle spie (2015)

Mah! Io proprio non capisco cosa stia succedendo a Spielberg. Intendiamoci, dal punto di vista tecnico questo film è ineccepibile. Tuttavia alla storia manca quel "qualcosa" che le permetta di bucare lo schermo. Sì, certo, bravi gli attori e belle le scenografie. Ma la sceneggiatura fa parte dell'immenso mare dei manoscritti del "vorrei ma non posso". In parte dramma. In parte legal thriller. In parte storico. In parte spionistico. Diciamocelo, una sceneggiatura che insomma è un po' tutto, e non è niente. [cit.]

mercoledì 6 aprile 2016

11. Lepanto - O Último Cangaceiro (2016)

La peculiarità di questa pellicola sta nel genere di appartenenza. In parte documentario. In parte drammatico/sperimentale. Risulta essere uno di quegli strani intrugli tanto cari ai Festival del Cinema.
Ma c'è di più.
Ciò che caratterizza Lepanto - O Último Cangaceiro è la mancanza della saccenza tipica di produzioni analoghe. Il messaggio infatti viene veicolato con maggiore efficacia ed il regista prende le distanze dal clima radical chic che troppo spesso pervade questo genere di film.

venerdì 1 aprile 2016

#MoMeLoSegno - Limitless (2011)

La trama in 50 parole.
Eddie è uno scrittore la cui vita è a pezzi: divorzio alle spalle, scaricato dall'attuale compagna e blocco dello scrittore. Un giorno incontra l'ex cognato che lavora nel ramo farmaceutico. Gli propone un nuovo farmaco non ancora in commercio chiamato NZT. Dovrebbe sbloccare le potenzialità della mente. E funziona davvero...

Consigliato a:
Chi vuol vedere un raro esempio di thriller fantascientifico molto ben riuscito.

Sconsigliato a:
Chi per qualche motivo non vuole vedersi un film con dei fantastici Bradley Cooper e Robert De Niro.

Perché vederlo?
Perché è un film di fantascienza atipico. Non abbiamo auto volanti o tecnologie avveniristiche. La pellicola è ambientata in un contesto urbano del tutto simile al presente, contaminato dall'unico elemento futuribile della "pillola dell'intelligenza". È vero, a volte la sceneggiatura rallenta un po', ma è un difetto da poco che non inficia la godibilità del film.

P.S.
Ho appena scoperto che esiste una serie TV che fa da seguito al film! Devo vederla! o.o
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...