Google+ Pazzi per il Cinema: 37. Transcendence (2014)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

lunedì 28 luglio 2014

37. Transcendence (2014)

Scrivere storie di fantascienza mi è sempre piaciuto. Un po' come George McFly, avete presente? (e a tal proposito chiedo a mio figlio di darsi una mossa ad indicarmi la sua futura madre)
Vedete, Transcendence praticamente la stavo scrivendo io alle superiori e, come tale, sembra il prodotto di uno sceneggiatore non professionista. Il film semplicemente disattende le aspettative, partendo da una buona seppur poco originale idea e sviluppandola in maniera troppo spenta e banale. Principale tallone d'Achille sono i personaggi, deboli e poco profondi. Inoltre non si ha mai la reale sensazione che le loro azioni stiano effettivamente influendo sulla realtà che li circonda, lasciando lo spettatore in balia di infiniti dialoghi pseudofilosofici piuttosto che di fronte a sequenze che mostrino cosa accade veramente al pianeta.
Mi chiedo come siano stati spesi i 100 milioni di budget.

Da un punto di vista meramente tecnico va detto che la pellicola si difende benino, soprattutto dal punto di vista della fotografia. 
Incredibile il make-up di Jonny Depp, praticamente irriconoscibile nei panni di se stesso. Vabbè dai, a parte gli scherzi una volta tanto fa piacere vederlo recitare senza chili di fard addosso. Ovviamente Depp è bravo come sempre, un po' meno lo sono i comprimari, con performance ora troppo enfatiche ora troppo smorte, che trasformano l'intera pellicola in un one man show con Depp protagonista latitante.

Insomma, prendete I have no mouth and I must scream di Harlan Ellison, riscrivetelo male e conditelo con una forte dose di bontà ed ambientalismo ed eccovi servito Transcendence, fanta-thriller che aspettavo fin dal primo trailer e che sfortunatamente come tutte le cose tanto attese, si è rivelato una mezza delusione.

Consigliato a:
Chi alle parole "fantascienza", "Intelligenza Artificiale" e "gabbia di Faraday" associa una calda sensazione di felicità. Gli altri stiano alla larga da questa pellicola come fosse infetta.

Sconsigliato a:
Chi teme di perdere tempo nella visione di un film riuscito solo a metà.

4 commenti:

  1. Mi tenta. Ma temo il diludendo. Maledizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me personalmente ha deluso. Ma è anche colpa mia e delle mie alte aspettative.

      Elimina
  2. Io temo un po' di trovarmi di fronte al reboot de 'Il Tagliaerbe' .. è così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come tematiche sono piuttosto vicini, ma anche con 20 anni in più sulle spalle, penso Il tagliaerbe rimanga un prodotto migliore

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...