Google+ Pazzi per il Cinema: 38. Hotel Transylvania (2012)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

martedì 7 maggio 2013

38. Hotel Transylvania (2012)

Mi sento stanco.
Stanco e debilitato.
Il cattivo cinema mi drena la linfa vitale dalle ginocchia e devo ammettere che questo film mi ha essiccato come un'aringa.

La trama è sempre la solita trita e ritrita ed i colpi di scena sono pressoché nulli. Già dai primi minuti capirete esattamente in che maniera andrà a finire il film. È vero, avete ragione nel dire che tutto sommato stiamo parlando di un film rivolto ad un pubblico di giovanissimi ma ditemi voi se avete mai visto un gruppo di bambini di 8/10 anni prendere la macchina ed andare al cinema da soli.
Ok, io l'ho visto in casa mia ma quanto detto regge comunque, no?

Tecnicamente siamo lontani anni luce dagli standard Disney/Pixar ed il 3D è come se non ci fosse. Anzi, se non c'era forse era anche meglio visto che la profondità di campo non fa che accentuare le inettitudini del regista. Ecco appunto, parliamo un momento del regista, tale Dženndi Tartakovskij (m'immagino l'appello a scuola...). Ho dato uno sguardo su Wikipedia ed ho letto che viene dal mondo della televisione. E maledizione se si vede!
Ora, i tempi di produzione televisivi sono molto stretti così come spesso lo sono i fondi, allora si ottimizza. Vi ricordate i fondali dei Flintstones ad esempio?
Sempre gli stessi e più statici di un mimo.
Ora, ci sta che le inquadrature siano statiche in un cartone per la televisione che magari viene pure disegnato a mano. Non va bene invece per una pellicola proposta al cinema. Maledizione, metà delle scene sono ambientate nella sola hall dell'hotel! Un po' più di varietà no? Inoltre tre quarti delle scene sono dialoghi, ma non dialoghi alla Io e Annie, ma alla Happiness (link all'articolo).
Ho reso l'idea?

Consigliato a:
Chi ama gli horror e vuole far acclimatare i propri figli/nipoti ad un genere che ameranno quando saranno un po' più grandi.

Sconsigliato a:
Chi cerca un buon film d'animazione che vada bene anche per gli spettatori più cresciuti, piuttosto guardatevi un WALL•E oppure uno Shrek 2. Ehi... questa frase la sto usando un po' troppo spesso ultimamente. Mi sa che devo scegliere i film da guardare con più cognizione.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...