Google+ Pazzi per il Cinema: Battle Royale (2000)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

lunedì 3 giugno 2013

Battle Royale (2000)

Futuro non troppo lontano. La società asiatica, per scoraggiare la crescente violenza giovanile, istituisce per legge che ogni anno vengano estratti a sorte gli alunni di una classe delle superiori. Una volta mandati su un'isola deserta, dovranno uccidersi tra loro. Se dopo tre giorni ci sarà più di uno studente in vita allora saranno uccisi tutti.
Questa, in soldoni, la trama di Battle Royale, piccolo cult giapponese che ai tempi amai alla follia.
Ora, perché scrivere un articolo su un film che ho già visto e che quindi non porta avanti il contatore dei 200 film da vedere entro l'anno? Non per le similitudini con Hunger Games ma perché il nerd che è in me ha l'obbligo morale di farvi conoscere un film ahimè sconosciuto ai più.

Parliamoci chiaro, qui non siamo in presenza di un capolavoro, anzi. La regia non è certo fenomenale e gli attori stessi non è che sappiano proprio recitare benissimo. Certo, le eccezioni ci sono, tipo la presenza di Takeshi Kitano o di Chiaki Kuriyama, l'attrice che proprio grazie a questo film è stata notata da Tarantino e scelta per interpretare Gogo Yubari nel primo Kill Bill. Tuttavia ciò non basta per farne un film consigliabile a chiunque.

Quindi cosa c'è di buono in questa pellicola? Ma il sangue, ovvio! Quando vi ricapita di vedere una ventina di adolescenti che si macellano allegramente con interiora ovunque e sangue che scorre rosso e fumante neanche fosse vin brulè? Vabbè dai, facciamo i seri. L'idea interessante di questa sceneggiatura è che i "partecipanti" vengano tutti dalla stessa classe , il che rende le dinamiche tra i personaggi sicuramente stimolanti. Ora mi spiego e mi rivolgo in particolare ai più giovani tra voi, magari che ancora studiano. Immaginate per un attimo come potrebbe evolvere la situazione se al Battle Royale partecipaste proprio voi con la vostra classe. Credete che si formerebbero delle alleanze? E quanto durerebbero? Come vi figurate l'evolversi delle amicizie? Ma soprattutto quale è per voi il confine tra amicizia e desiderio di sopravvivere? Dichiarereste il vostro amore mai confessato alla ragazza che vi fa battere forte il cuore oppure magari cerchereste vendetta contro il bullo di turno? E se foste voi i bulli,  come vi sentireste nel sapere che la vittima dei vostri scherni è ora armata e sta venendo a cercarvi?

Consigliato a:
Chi si sveglia la mattina con una inestinguibile sete di sangue.

Sconsigliato a:
Tutti gli altri. A meno che non siate degli otaku senza speranza vi consiglio vivamente di guardarvi piuttosto Hunger Games, sicuramente più godibile e meglio realizzato. Qualora invece foste proprio degli otaku senza speranza, allora probabilmente Battle Royale l'avrete già visto come film, già letto come libro e già amato come manga... proprio come me.

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...