Google+ Pazzi per il Cinema: 38. Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie (2014)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

mercoledì 30 luglio 2014

38. Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie (2014)

È successa una cosa fantastica!
Ho partecipato ad un concorso a premi per gli abbonati al PlayStation Plus ed ho vinto! :D
Mi hanno dato due biglietti omaggio per la prima italiana de Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie! Sempre detto io che i videogiochi mi portano bene. Grazie Sony per lo splendido regalo! ;)
Ora però veniamo alla recensione dell'ultima fatica di Matt Reeves.

Ehi, cosa sono quelle facce perplesse? Non conoscete il regista Matt Reeves?
No?
Ah, meno male, pensavo di essere il solo a non averlo mai sentito nominare! :P
Ehi, di chi è quella mano alzata lì in fondo? Come dici? Matt Reeves è il regista di Cloverfield e Blood Story e dovrei vergognarmi a non conoscerlo? Ah... Vabbè comunque dobbiamo ammettere che non è certo un nome della caratura di un Peter Jackson o James Cameron a caso. Tuttavia pur non essendo un nome di spicco del panorama cinematografico devo ammettere che ha fatto bene il suo dovere, donando al film un ritmo che si può solo definire "giusto". La storia che si prende il tempo necessario per svilupparsi ed un corretto dosaggio degli effetti visivi rendono la pellicola una gioia da guardare e da seguire. Fenomenali poi le scenografie, che faranno la felicità degli amanti della fantascienza post-apocalittica. 

Questo film costituisce un ulteriore tassello di quel magnifico mosaico scimmiesco tanto amato da noi Nerd con la enne maiuscola, che da quando da piccoli abbiamo visto il primo Il pianeta delle scimmie abbiamo amato la fantascienza. Mentre però l'Uomo era principale protagonista delle vecchie pellicole, qui il fulcro degli eventi sono le scimmie e soprattutto quel genio di Andy "tesssoro" Serkis, che porta la performance capture a livelli mai raggiunti prima e, lasciatemelo dire, in odore di Oscar 2015 già da adesso. Non sono da meno i comprimari, soprattutto il Koba di Toby Kebbell è un personaggio spettacolare ed è impressionante pensare che sia un attore in carne ed ossa ad animarlo tanto è convincente la sua performance.

Consigliato a:
Chi già ama questa saga scimmiesca. Tuttavia la visione di questa pellicola è consigliata anche ai nuovi spettatori che certamente non ne resteranno delusi.

Sconsigliato a:
Chi non ama la fantascienza. Per quanto ineccepibile sotto molti aspetti, questa non sarà la pellicola che vi farà cambiare idea sul genere.

2 commenti:

  1. Ho amato il primo film quindi spero proprio di riuscire a vedere questo... anche se il cinema della mia città è chiuso ç_ç

    RispondiElimina
  2. Non mi ha entusiasmato molto, vuoi perché sono ancora affascinato dalla serie "fuga dal pianeta delle scimmie" di non so quanti anni addietro ma lo trovato mancante di un inizio credibile. come si fa a passare l'idea che in un'era come quella attuale la specie scimmia, seppur in presenza di virus o cos'altro, vinca una battaglia di tali dimensioni contro l'uomo. a parte questo particolare trovo il film non noioso e con buoni effetti scenici edi animazione. personalmente avrei aggiunto un Po più di fantascienza, immaginazione, nella specie scimmia per renderla meno umanoide.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...