Google+ Pazzi per il Cinema: 42. La leggenda del cacciatore di vampiri (2012)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

venerdì 5 settembre 2014

42. La leggenda del cacciatore di vampiri (2012)

exAmico: «Ale, ti consiglio La leggenda del cacciatore di vampiri
Io: «Sicuro che meriti? Così a naso mi pare una stronz...»
exAmico: «No no no. È bellissimo. FIDATI!»

FIDATI...

Te lo do io, un consiglio: scappa e nasconditi, exAmico. Scappa. E. Nasconditi. Lascia la città stasera, all'istante, e una volta fuori, resta fuori, o ti faccio fuori: a Los Angeles Milano hai perso i tuoi privilegi.

Ora, si potrebbe pensare che questa "cosa" (e mi rifiuto di definirlo "film") possa essere un prodotto indirizzato ad un pubblico amante dei cosiddetti "film brutti". Invece no. Questo non è un "film brutto" destinato a diventare un cult. Questo è semplicemente qualcosa di inutile e basta. E pensare che hanno stanziato ben 70 milioni per produrlo.
E per cosa, poi?
La recitazione è ignobile.
La fotografia è ignobile.
Gli effetti visivi sono ignobili.
La regia, poi. Mio Dio la regia. Definirla ignobile sarebbe riduttivo. Qualcuno dovrebbe vietate a quell'incapace di Timur Bekmambetov di toccare ancora una macchina da presa. Dico davvero, roba da ingiunzione restrittiva del tipo: vietato stare a meno di 150 metri da una macchina da presa. Bekmambetov è la prova vivente che il regista lo potrebbe fare chiunque, pure io.
Un esempio su tutti? La scena dei cavalli. Mi rifiuto di credere che quella sequenza sia stata realizzata da gente sobria.

Che poi ad essere sinceri l'idea di fondo della pellicola non sarebbe nemmeno tanto male. In pratica il passaggio "A noi vivi" del Discorso di Gettysburg è stato reinterpretato dello sceneggiatore in chiave fanta-horror. Il fatto è che tra il soggetto e la sceneggiatura c'è la stessa, proverbiale, distanza che c'è tra il dire ed il fare. E questo "film" ne è l'esempio.

Bene chiudiamola qui e... Un momento, di chi è quella mano alzata lì in fondo? Come dici? Bekmambetov qualche anno fa ha girato Wanted che è il tuo film preferito? Bene. Potremmo stare qui ore a parlare di Wanted ma sappi che, a parte la scena della vasca, anche quello era un film particolarmente perdibile. Ora, ammesso e non concesso che Bekmambetov in quel caso abbia fatto un buon lavoro, in QUESTO film sembra abbia scelto come aiuto regista Stevie Wonder.

Consigliato a:
Chi cerca qualcosa in grado di ridefinire il concetto di "Brutto". Oppure vuole liberarsi di un'amicizia.

Sconsigliato a:
Chi nutre anche solo un briciolo di amor proprio.

6 commenti:

  1. Orripilante oltre ogni dire e sceneggiato coi piedi. Che bello avere degli amici! XD

    RispondiElimina
  2. Troppo forte Alessandro..ho deciso di consigliarlo a chi proprio non mi va e credi ce ne sono parecchi/e...
    Non perchè io sia una persona particolarmente difficile, ma perchè di false amicizie ne ho già fatto una vera collezione!
    Mi sono iscritta con piacere , sperando in un tuo gradito ricambio!
    Grazie e un abbraccio serale!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, gentilissima!
      Ovviamente ricambio l'iscrizione! ;)

      Elimina
  3. Quanto piacere per la tua iscrizione Alessandro..vado subito a salvare il tuo blog bellissimo..
    Un bacio cinematografico..se mi riesce!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...