Google+ Pazzi per il Cinema: 25. L'amore bugiardo - Gone Girl (2014)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

giovedì 2 aprile 2015

25. L'amore bugiardo - Gone Girl (2014)

Come il pugno di Marion sul muso di Indy la dice lunga su di lei (ma soprattutto su di lui), un'azione o un gesto descrivono meglio di mille parole un personaggio. E sono proprio i personaggi il cardine attorno al quale ruota una vicenda. Non importa quanto una storia possa essere innovativa o ben scritta. Se i personaggi non sono decenti, non lo sarà nemmeno il resto. 

Grazie a Dio in Gone Girl abbiamo un Ben Affleck in grande spolvero che riesce egregiamente a gestire da protagonista le due e più ore che dura il film. Tuttavia la vera sorpresa è certamente Rosamund Pike. Ammetto di non essere mai stato un suo grande fan ma questa pellicola mi ha fatto decisamente cambiare opinione su di lei. 
I comprimari invece sono piuttosto stereotipati e generalmente non all'altezza dei protagonisti, principalmente a causa di uno scarso approfondimento psicologico. Sapete però che vi dico? Questo è quasi un bene. Vedete, utilizzando stereotipi facilmente riconoscibili (tipo quello affibbiato alla detective), lo sceneggiatore/autore ha potuto focalizzare tutta l'attenzione sui protagonisti, sviscerandone così i caratteri ed offrendo personaggi sfaccettati e dei quali non ci dimenticheremo tanto presto.

Un intreccio di hitchcockiana memoria chiude il cerchio su una pellicola in fin dei conti scritta in maniera impeccabile. Tutto ciò però da solo non basta a tenere tutto in piedi ed è qui che entra in scena David Fincher. Ora, Fincher può anche non piacere ma bisogna ammettere che, alla prova oggettiva dei fatti, la sua regia è assolutamente impeccabile e ci regala una direzione di altissimo livello.

Insomma, storia geniale, attori da Oscar e regia più che buona. Tutto perfetto quindi? Non proprio. Vedete, per quanto ben scritta, la lentezza della sceneggiatura nella prima metà ed il non capire subito dove il film voglia andare a parare potrebbero scoraggiare gli spettatori meno pazienti. Tuttavia stiamo cercando il proverbiale pelo nell'uovo di una pellicola che, senza mezzi termini, è vivamente consigliata a tutti.

Consigliato a:
Chi vuol vedere uno dei migliori thriller girati degli ultimi anni.

Sconsigliato a:
Chi cerca un film leggero e spensierato.

1 commento:

  1. Io ho adorato questo film, nonostante avessi un pregiudizio dovuto al libro, che non ho portato nemmeno a termine, per un mio enorme errore di valutazione. Fincher si rivela essere ancora una volta un regista strepitoso, hai ragione tu quando dici che questo film è uno dei migliori thriller degli ultimi tempi!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...