Google+ Pazzi per il Cinema: 27. 40 carati (2012)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

mercoledì 20 marzo 2013

27. 40 carati (2012)

Il titolo originale di questa pellicola è Man on a Ledge, ovvero "L'uomo sul cornicione".
Mai titolo fu più azzeccato perché viene proprio descritto con precisione lo stato d'animo dello spettatore durante la visione di questo film: indeciso se continuare a stare lì in attesa che finisca oppure buttarsi dalla finestra e smettere di soffrire.
Dato che sono qui a scrivere possiamo evincerne due cose:
1. Non mi sono buttato dal sesto piano.
2. Molto probabilmente sono masochista.

Uno si deve volere male per guardare consciamente questo film... ma io sono stato incastrato! Il fatto è che quando Sky per Lunedì Prima ti propone qualcosa che non hai mai visto la tentazione è forte. Certo che se poi la "prima visione" di un film si trasforma anche nell'ultima è un altro discorso... oddio come è recitato male questo film, Kristen Stewart a confronto è Anna Magnani.
Che poi il soggetto non sarebbe neppure malvagio ma qui la causa dello scempio che è questo film è colpa dello sceneggiatore.
Caro sceneggiatore, non è che se l'idea di fondo pare buona allora la si deve per forza trasformare in un lungometraggio. Qui di carne al fuoco ce n'è troppo poca per reggere oltre l'ora e quaranta che dura il film, molte scene sono tirate troppo per le lunghe solo per allungare il brodo.
Fosse dipeso da me questa sceneggiatura l'avrei compattata in 50 minuti ed avrei venduto l'idea ad una serie televisiva: il prodotto ne avrebbe sicuramente giovato, e noi con lui.

Consigliato a:
Chi vuole vedere cosa è disposto a fare Ed Harris per pagarsi il mutuo.

Sconsigliato a:

Chi cerca un buon thriller, genere che punta tutto sulla suspense, qui latitante.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...