Google+ Pazzi per il Cinema: 49. Pacific Rim (2013)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

giovedì 18 luglio 2013

49. Pacific Rim (2013)

Zankoku na tenshi no you ni
♬♪Shonen yo, shinwa ni nareeee...♩♪

Se la frase qui sopra ha risuonato nella vostra testa con una soave voce nippo-femminile lasciate che vi citi il nostro caro amico Gandalf: <<Fuggite, sciocchi!>>
Questa pellicola non centra assolutamente NULLA con Evangelion, mettetevi il cuore in pace! Mentre in quel capolavoro si mescolano filosofia, religione e teorie evoluzionistiche in una vicenda che potrebbe benissimo reggersi in piedi anche in assenza di robottoni (che poi non sono nemmeno robottoni ma vabbè...), Pacific Rim non ha nulla di tutto questo. Nulla! Nerd avvisato, mezzo salvato.

Ora, quanto è importante per voi la trama in un film?
Vedete, questa è una delle pellicole più cafone e buzzurre che io abbia mai visto sul grande schermo. Sono convinto che dal prossimo anno in tutti i dizionari alla voce "Ignoranza" troveremo affiancata la locandina di Pacific Rim.
La storia qui non è che un mero pretesto, i dialoghi strappano risate involontarie. I personaggi sono profondi come pozzanghere e gli attori che li interpretano andrebbero frustati con la cintura dalla parte della fibbia. Insomma parliamoci chiaro, qui non troverete altro che robottoni giganti che picchiano a mani nude mostri grossi come grattacieli... Capite? Robot giganti contro mostruosi alieni! Insomma, il film che aspettavo da tutta la vita.

Dio mio come mi sono divertito nel vedere questo film! È ufficiale, io lo amo. Me lo andrei a rivedere oggi stesso, magari in 3D. Ti fa sentire felice come quando da bambino guardavi i cartoni del pomeriggio mentre facevi merenda e poco importa se alla fin fine è un prodotto più commerciale del detersivo.
I dialoghi sono vacui e fondamentalmente stupidi?
Chissenefrega!
Sono presenti incoerenze logiche e buchi di trama tali da domandarsi se qualcuno l'abbia mai almeno sfogliato il copione?
Chissenefrega!
La protagonista femminile non è poi tutto 'sto gran splendore?
Chissen... no, un momento, questo non è bene, anzi... Ma vabbè dai, per questa volta chiudiamo pure un occhio (ma solo perché ha le mèche blu che fanno tanto Rei Ayanami).

Signori, qui siamo di fronte a due ore di raro divertimento. Abbiamo azione, combattimenti, frasi pompose, atti eroici e personaggi sì improbabili ma che in un contesto simile risultano azzeccati e piacevoli. Poco importa se la sceneggiatura è del tutto prevedibile o se Guillermo del Toro è un cane di regista, questa pellicola è talmente esagerata in tutti i suoi aspetti che sarebbe un peccato lasciarsela sfuggire. Sono rare le volte che esci dal cinema ed hai subito voglia di rivedertelo ancora ed ancora, a nastro, in attesa del seguito.
Io intanto aspetto le action figure degli Jaeger...
Fly me to the Moon
♬♪Let me play among the stars...♩♪

Consigliato a:
Chi aspettava da una vita un film di "robot contro mostri" che però non somigli ad un episodio dei Power Rangers.

Sconsigliato a:
Chi si aspetta di trovare una trama complessa... anzi no, coerente... meglio dire sensata... vabbè va, diciamo che il film è sconsigliato a chi si aspetta di trovare una trama. Punto.

1 commento:

  1. Ha soddisfatto appieno ogni mia aspettativa, riempiendola anche con alcune chicche inaspettate.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...