Google+ Pazzi per il Cinema: Recensione Ghostbusters (2016)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

martedì 21 marzo 2017

Recensione Ghostbusters (2016)

A detta di molti, questo doveva essere il peggior film dell'anno scorso. Ne abbiamo sentite di ogni: da chi l'ha bollato come "perdibile", a chi s'è strappato le vesti al grido "hanno rovinato un cult!"
Davanti a questa unanime bocciatura, non me la son sentita di andare a spenderci dei soldi al cinema. Ho quindi atteso l'uscita in tv.
Mannaggia a me.
MANNAGGIA. A. ME.
Ma dico io, ok che Ghostbusters 2016 non è Il Capolavoro del millennio, però cavolo! Questo filmettino non è affatto male. La MerdaVera™ la conosciamo tutti, eh! Vogliamo parlare dell'ultimo Zalone? Oppure di 50 Sfumature? Quelli sì che sono "film" orrendi.

Scanzonato
Ecco, scanzonato è forse l'aggettivo più corretto per descrivere questo Ghostbusters. Il film sa come non prendersi sul serio. È godibile e diverte. Scorrevole quanto basta da non guardare l'orologio ogni due minuti nella speranza che finisca. Certo, la sceneggiatura è quanto di più telefonato si sia visto negli ultimi anni. Ma sa intrattenere. Inoltre, per quanto alcuni personaggi risultino un po' troppo caricaturali, nel complesso il cast funziona donando alla pellicola una comicità slapstick a tratti cartoonesca.


Effetti visivi spettacolari. No, dico davvero. Mannaggia a me che non l'ho visto al cinema in 3D. Chi si lamenta della troppa computer grafica non ha capito niente. In un film così, che fa dell'esagerazione il suo punto forte, gli effettacci ignoranti io li esigo! Se trent'anni fa Ivan Reitman avesse avuto i mezzi, anche Bill Murray e Dan Aykroyd avrebbero sguazzato nel green screen. Garantito.

Il vero problema
Sapete quale è il vero problema di questa pellicola? Non essere indirizzata alla "Vecchia Guardia".
Mi spiego. Io i primi due Ghostbusters li vidi tipo alle elementari se non prima. Con Venkman, Ray e Spengler ci sono praticamente cresciuto. Vi ricordate poi la serie a cartoni animati? Ed il merchandise aggressivo di fine anni ottanta? Ecco, non dobbiamo commettere l'errore di pensare che questo film sia rivolto a noi "Vecchia Guardia". Anche se sono presenti cammei e richiami all'originale, questa pellicola -->del 2016<-- non è indirizzata a noi. E come potrebbe esserlo? Sono passati più di 30 anni e lo stile è pure più leggero dell'originale.
Siamo noi ad avere trent'anni in più sul contachilometri.

Consigliato a:
Chi cerca un prodotto leggero e pulito da guardare assieme ai propri figli.

Sconsigliato a:
Chi crede di riprovare le stesse emozioni che gli diede il primo film.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...