Google+ Pazzi per il Cinema: Il VERO cattivo di Game of Thrones
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

mercoledì 22 maggio 2019

Il VERO cattivo di Game of Thrones

Se volessi fare il botto di visualizzazioni, mi unirei al carro degli hater per radere al suolo questa serie manco fosse Approdo del Re. Tuttavia, visto che delle visualizzazioni non me ne può fregare di meno (e gli hater mi stanno pure sulle balle) vorrei dire la mia sul perché la serie Il Trono di Spade sia un piccolo capolavoro che nulla ha da invidiare ai film più blasonati e del perché il finale è qualcosa di G-E-N-I-A-L-E.

P.S. Quando pensi di aver avuto un’idea geniale LO SAI che c’è stato già qualcun altro (probabilmente con gli occhi a mandorla) che l’ha avuta prima di te. Ho dato un occhio in Rete ed effettivamente ci sono già un certo numero di persone che parlano già di questa teoria della quale andremo a scrivere. Però l’articolo era praticamente già finito e mi pareva brutto buttarlo.

Amici cinefili, voglio raccontarvi una storia.

Immaginiamo un mondo dove un individuo, che chiameremo il Vecchietto, abbia il potere di vedere nel futuro.
Tante volte la letteratura e la cinematografia hanno trattato questo tema, lo so, ma seguitemi ugualmente. Dicevamo, immaginiamo questa persona con la capacità di vedere avanti nel tempo. Immaginiamo anche che egli sia molto longevo, quasi immortale. Non ci interessa sapere se è “buono” o “cattivo”.  Ci basti sapere che il Vecchietto è in grado di scrutare il futuro e, grazie alla sua longevità, di ricordare il passato. Egli è la memoria del mondo.
Immaginiamo adesso che, per una qualche ragione, egli sia stanco o troppo vecchio per continuare nel suo compito. Decide quindi di cercare un’altra persona alla quale trasferire i suoi poteri e la storia del mondo.
Il nostro Vecchietto prende quindi un ragazzo sfortunato come suo apprendista. Lo chiameremo il Giovane.  Il Giovane ha perso il padre, la madre ed un fratello. Ha perso la sua casa ed è anche rimasto storpio. Il Giovane non era molto fortunato. Non si sa cosa abbia visto in lui il Vecchietto, fatto sta che inizia ad insegnargli come scrutare nel passato e, soprattutto, nel futuro.

Ma qui avviene una cosa importante, prestate attenzione.
Il Giovane è sì ligio agli studi, si applica e presta attenzione agli insegnamenti del Vecchietto. Tuttavia nella sua mente comincia a farsi strada un’idea. Se avesse accesso al potere di guardare nel futuro, il Giovane potrebbe facilmente vendicarsi delle persone che lo hanno fatto soffrire. Potrebbe riprendersi la casa della sua famiglia e, perché no, regnare sul mondo. Dopotutto, conoscere in anticipo i piani dei suoi nemici farebbe di lui il più grande conquistatore della storia. Non ci sarebbe una guerra che il Giovane possa perdere.

Sospendiamo un attimo il racconto del Vecchietto operoso e del Giovane apprendista passato al Lato Oscuro. Mi rivolto a voi, lettori del mio blog. Immaginate di giocare una partita a scacchi. Immaginate anche di possedere lo stesso potere del Vecchietto e vedere in anticipo le mosse dell'avversario. In questo scenario, per voi vincere sarebbe una passeggiata.
Immaginate però che anche il vostro opponente abbia lo stesso, identico potere. A questo punto cosa accadrebbe?
Voi leggete la prossima mossa. State per muovere ma, non appena lo pensate, il vostro avversario vede quella mossa e pensa ad una contro mossa. Voi vedere la contro mossa e pianificate una contro-contro mossa, e così all'infinito come un serpente che si morde la coda. La partita è in stallo e nessuno muove perché non è possibile stabilire quale sia la mossa vincente. I vostri poteri, e quelli dell’avversario, si sono annichiliti a vicenda.

Torniamo ora al Vecchietto ed al Giovane. Non appena il Giovane guarda nel futuro, questo cambia per il solo fatto di essere stato osservato. Ciò impedisce sia a lui che al Vecchietto di avere una nitida immagine di ciò che accadrà e, soprattutto, impedisce al Vecchietto di accorgersi che il Giovane è stato corrotto dal potere.
E qui il Giovane inizia a pianificare la sua ascesa al potere, da cui la sua prima mossa: uccidere il Vecchietto. Aspetta quindi che il suo maestro si sia addormentato per usare i suoi nuovi poteri e contattare un antico nemico del Vecchietto, che chiameremo il Nemico. Lo spirito del Giovane cerca il Nemico, lo trova e funge da esca. Si fa marchiare dal Nemico. Questo rivela la posizione del Giovane e, di conseguenza, del Vecchietto che è con lui. Non ci vuole molto affinché il Nemico giunga ed uccida il Vecchietto.
Il Giovane riesce a fuggire sfruttando i suoi nuovi poteri. Addirittura riesce per un attimo a riscrivere il passato e bloccare il Nemico dietro una porta.
Il Vecchietto è morto. Il Giovane è l’unico essere al mondo in grado di leggere il futuro.
La sua ascesa ha inizio.

Per adesso la chiudiamo qui.
Mi piacerebbe parlare con voi degli aspetti che più mi stanno a cuore di questa serie. Vorrei discutere con voi, amici cinefili, della sceneggiatura e della regia. Di come per la prima volta una serie tv non ha nulla da invidiare alle produzioni della nostra amata Settima Arte. Tuttavia ho già scritto fin troppo. 

EDIT: Qui trovate la seconda parte dell'articolo

2 commenti:

  1. Forte come teoria, però per farla quadrare e convincerci occorre la "parte 2" :) quindi: TO BE CONTINUED!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuovo articolo:
      https://www.pazziperilcinema.it/2019/05/game-of-thrones-chi-e-davvero-bran-lo.html
      ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...