Google+ Pazzi per il Cinema: 61. Broken City (2013)
Icon RSS Icon Facebook Icon Twitter Icon Google+ Icon Tumblr

lunedì 16 settembre 2013

61. Broken City (2013)

Ultimamente mi sto facendo prendere un po' troppo da quello che danno la sera su Sky e sto lasciando indietro i film "seri" che ho in lista, ma vabbè. Vediamo di spenderle due parole su questo Broken City e poi passiamo ad altro.

Dal punto di vista meramente tecnico il film è ineccepibile. Wahlberg e Crowe sanno sicuramente il fatto loro, riuscendo a dare spessore e naturalezza ai loro personaggi.
Promossi.
La regia di Allen Hughes (La vera storia di Jack lo squartatore, Codice Genesi) fa egregiamente il proprio dovere, regalandoci sequenze assolutamente prive di sbavature.
Promosso.
L'intreccio è abbastanza ingarbugliato da mantenere viva l'attenzione dello spettatore per tutta la durata della pellicola.
Promosso anche lo sceneggiatore, con lode e bacio accademico. Plauso speciale infatti per aver creato una storia non solo solida e ben narrata ma che è pressoché priva di plot hole (nonché probabilmente ispirata a fatti di cronaca nostrana, ma io non vi ho detto niente! ò_ò).

Insomma, un film perfetto?
Beh, lasciatemi dire che  l'essere privo di difetti non rende automaticamente buono un prodotto.
Vedete, il film non risulta particolarmente incisivo da rimanere impresso nella memoria dello spettatore. Gli manca quel "non so che" che gli permetta di emergere dalla fiumana di prodotti analoghi ed anzi, per dirla tutta, dubito seriamente che in futuro ci sarà qualcuno che si ricorderà di questa pellicola.
In una parola: perdibile.

Consigliato a:
Chi di tanto in tanto non disdegna la visione di un buon thriller.

Sconsigliato a:
Chi quando guarda un film vuole spegnere il cervello.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...